“Sulle mie tracce” è un progetto che nasce pensando ai giovani che in questo particolare momento storico, si trovano a dover affrontare un clima di ansia e paura, di regole, imposizioni e limitazione delle loro libertà.

Tutto ciò influisce sugli stati emotivi creando tensioni che si accumulano nella memoria di mente e corpo...
 
Ho grande fiducia comunque che in loro c'è anche una grande forza che li spinge verso la vita e verso soluzioni creative, ma a volte può essere necessario offrire tempi e spazi per far emergere quella forza.
 
Attraverso laboratori espressivi e l'esplorazione di differenti linguaggi espressivi si può dar voce a disagi, sogni, desideri… Con strumenti grafico-pittorici, poetici e argilla, viaggeremo nelle nostre emozioni vitali con creatività, per vederle, guardarle, comprenderle.
L’elaborazione e la creazione di manufatti, appunto creati con le mani, mette in moto la parte più creativa e intuitiva del nostro cervello. Abbandonando la razionalità del processo, si sperimenta un “fare senza pensare”. Inaspettatamente viene messo in luce qualcosa di noi che sfugge alla ragione ma che dimora nelle nostre profondità e ci fa agire nella vita.
 
Per vedere i prossimi incontri clicca qui